Nonostante la tenacia e la combattività messa in campo, le nostre ragazze non riescono a conquistare il campo e Crema porta a casa bottino pieno.

Lucrezia Rossi vede positivamente l’ultimo periodo delle nerofucsia: «Noi siamo unite e le potenzialità le abbiamo, che sia chiaro».

E' durato solo un set il bel sogno di Tomolpack Marudo, che parte alla grande ma subisce la reazione di Cusano e perde in modo secco.

Dallo 0-2 al successo nel tie break.

Con una rimonta indiavolata le ragazze di coach Vasi, dopo la solita partenza al rallentatore, recuperano lo svantaggio di due set a zero e dettano legge sul campo emiliano della US Arbor.

«Dobbiamo partire determinate - ammonisce Stella Maggi -. Non dobbiamo pensare all’eventuale errore commesso per troppi istanti ma pensare subito alla giocata successiva».

Sabrina Vasi (allenatore in panchina) e Valentina Cozzi (allenatore in campo) "rimescolano" le carte cambiando qualche ruolo e la squadra trova un'identità diversa che permette di lottare contro la forte Rubierese.

Torna a casa dalla trasferta piacentina senza punti ma con tanti interrogativi da risolvere.

«La gara col Nure Volley va giocata con la mente sgombra – sentenzia Valentina Cozzi –. Tutte noi ci aspettiamo una reazione caratteriale per arrivare al successo e invertire questo trend negativo».

«Ringrazio la società per la fiducia che mi ha accordato, ma è una soluzione temporanea, la squadra deve ritrovare fiducia».

Il Gussago espugna la palestra di Marudo.

Della Penna: «Dobbiamo fare la nostra parte adattandoci alla situazione e cercando di prendere in mano il pallino del gioco fin dal principio».